“Italiani brava gente? Potendo ci ammazzeremmo a vicenda”

Giampaolo Pansa pubblica un viaggio tra gli sconfitti della “guerra civile” ’43-’45: “Come allora siamo mossi dall’odio, in una Repubblica tenuta in vita da politici screditati”
“Italiani brava gente? Potendo ci ammazzeremmo a vicenda”

Pubblichiamo un estratto del prologo di Giampaolo Pansa al suo libro “Il mio viaggio tra i vinti” (Rizzoli), da oggi in libreria.   Perché intraprendere un viaggio nel mondo di chi è stato sconfitto nella guerra civile italiana? Ho almeno tre buone ragioni (…) La prima è che il punto di vista di questo nuovo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.