Italiani benvenuti in Libia. Due tecnici rapiti a Ghat

Fermati da uomini armati nell’oasi di confine con l’Algeria. La loro società ricostruisce l’aeroporto. L’intelligence esclude un sequestro da parte di jihadisti
Italiani benvenuti in Libia. Due tecnici rapiti a Ghat

Ghat è una città di confine, deserto tra Libia e Algeria abitato da tribù di nomadi tuareg spesso in conflitto tra di loro. Area di traffici di armi e uomini in fuga verso l’Europa, ma anche rifugio dove potrebbero essersi insediati molti militanti dell’Isis scappati da Sirte. Non era considerata una zona “ad alto rischio”, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.