Istruzione e cultura, peggio solo la Romania

Impietoso dossier Eurostat: soltanto Bucarest spende meno soldi pubblici di noi
Istruzione e cultura, peggio solo la Romania

Non pretendere di essere come la Svezia, che all’istruzione destina il corrispettivo del 6,6 per cento del Pil, il 12,7 per cento del totale della spesa pubblica, è ragionevole. Però forse, all’Italia basterebbe essere come la Polonia, il Portogallo, la Slovacchia. Persino come la Grecia: a punti percentuali d’investimento in questi settori, infatti, stanno messi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.