Islamista in cella: “Incitava a uccidere”

Terrorismo - Arrestato un marocchino di 29 anni, da nove ospite di una famiglia italiana
Islamista in cella: “Incitava a uccidere”

Incitava a uccidere in Italia nonostante nove anni fa una famiglia di Torino lo avesse accolto come un figlio. Cercava l’aiuto di altri simpatizzanti dell’Isis sul social network Zello, in una chat che amministrava: “Lo Stato del Califfato islamico”. Sotto il nickname “ibn dawla7” (cioè “figlio dello Stato”) si celava un marocchino 29enne residente a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.