Isis, arrestata la primula rossa. “Reclutava terroristi in Italia”

Moez Fezzani fermato ieri in Sudan. Latitante dal 2012, in contatto con una cellula lombarda
Isis, arrestata la primula rossa. “Reclutava terroristi in Italia”

Lo avevano dato per arrestato già la scorsa estate, in Libia, nei dintorni di Zintan, durante gli scontri per riconquistare la città di Sirte. Era una bufala, fatta filtrare dai servizi segreti locali. Le tracce, però, non le hanno mai perse. Gli incroci dei tabulati telefonici hanno segnato l’ultimo tratto del viaggio. Prima in Nigeria, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.