Isacco, il reduce di Ferramonti e il racconto di un lager “villaggio”

Una bibliotecaria incontra un sopravvissuto del campo in cui agli internati era consentito di studiare e avere figli
Isacco, il reduce di Ferramonti e il racconto di un lager “villaggio”

Efu così che la colta bibliotecaria si incontrò alla fine con il “lucido, colto, brillante e affascinante signore”. Anche se non fu romanzo d’amore. Lui infatti è felicemente sposato, ha 102 anni, ed è il testimone straordinario di una vicenda straordinaria. Che lei ha scoperto il pomeriggio di una domenica guardando su Rai Storia un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.