Iraq, anche gli italiani nella battaglia di Mosul

Operazioni speciali da Erbil per evacuare i feriti della coalizione sventati attacchi suicidi alla diga protetta dai bersaglieri
Iraq, anche gli italiani nella battaglia di Mosul

Imilitari italiani schierati in Iraq (al costo di 700 mila euro al giorno) continuano a fare la loro parte nella battaglia contro l’Isis, entrata ora nella sua fase decisiva con l’ingresso delle truppe irachene a Mosul. I più coinvolti sono i 130 uomini del Task Group Personnel Recovery basato all’aeroporto di Erbil, un’ottantina di chilometri […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.