“Io, un’estate tra le baracche con Pauline”

Il regista Mathieu Volpe - “Gli hanno portato via il futuro, ma nei loro occhi c’è ancora speranza”
“Io, un’estate tra le baracche con Pauline”

Un anno e mezzo fa, ho deciso di passare l’estate tra gli abitanti del Ghetto per realizzare un progetto fotografico sulla questione dei flussi migratori in Europa. Quando sono “sbarcato” a Rignano nell’agosto del 2015, non sapevo né dove avrei dormito, né come avrei fatto per sopravvivere. Dopo non appena due ore, Pauline, una camerunense […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.