» Politica
martedì 12/09/2017

“Io sto con Milena”. La nostra petizione già a 45mila firme

Su change.org - Migliaia di persone chiedono che la Rai valorizzi la creatrice di Report affidandole le notizie online della tv pubblica
“Io sto con Milena”. La nostra petizione già a 45mila firme

Mentre andiamo in stampa, sono avviate verso quota 45mila le firme a sostegno di Milena Gabanelli. Una valanga di sottoscrizioni per la petizione “Io sto con Milena” lanciata solo due giorni fa dal Fatto (potete firmare su ilfattoquotidiano.it o sulla piattaforma change.org) in segno di solidarietà per la creatrice di Report che si è autosospesa dalla Rai dopo essere rimasta mesi in attesa del lancio di un nuovo portale d’informazione web.

Progetto praticamente dimezzato (metà giornalisti e una testata di cui non è direttrice) dall’offerta che le ha fatto il nuovo direttore generale Mario Orfeo, motivo per cui la cronista si è messa in aspettativa.

“Noi pensiamo che qualunque emittente del mondo libero sarebbe orgogliosa di avere la Gabanelli tra le proprie file. Il suo nome è uno dei pochi motivi validi rimasti a giustificare il canone e la qualifica di ‘servizio pubblico’ per quello che è sempre più un servizietto privato dei partiti. Negli ultimi anni la Rai ha fatto di tutto per perdere la Gabanelli e alla fine ci è riuscita. Missione compiuta, nel silenzio omertoso di destra, centro, sinistra e dei grandi giornali”, si legge nell’appello firmato da Marco Travaglio, Peter Gomez e Antonio Padellaro.

Tante le adesioni, anche da parte di colleghi eccellenti. Come Lucia Annunziata, direttore di Huff Post Italia e conduttrice di Mezz’ora in più, da domenica 24 settembre su Rai3: “Firmo per Milena perché la Rai ha assolutamente bisogno di un vero sito. La Bbc on line è una delle prime cinque fonti di informazione in Gran Bretagna. Non si vede perché la Rai non debba ambire a occupare questa posizione. Chi meglio di Milena per farlo?”, scrive Annunziata.

Anche il direttore di MicroMega Paolo Flores d’Arcais aderisce all’appello. “Stavamo per farlo anche noi, ma ci avete preceduti. Ora sarebbe bello che tutti i quotidiani e le testate che hanno davvero a cuore la Rai come servizio pubblico aderissero anch’essi senza gelosie”, il messaggio di Flores.

Moltissimi i commenti delle persone che hanno firmato la petizione on line. “Abbiamo un assoluto bisogno di persone competenti senza condizionamenti di nessuna natura, specialmente in Rai dove dominano giornalisti inchinati al potere politico. Milena torna presto”, scrive Giuseppe Dolce. “Firmo perché non voglio rassegnarmi all’idea che i partiti decidano tutto nel nostro Paese”, osserva Giuseppina Guarna, da Trento. “Milena Gabanelli deve restare nel servizio pubblico perché è un capitale per la libera informazione”, scrive Roberto Piccioli. La raccolta di firme e di adesioni continua.

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
Il nuovo governatore

Il leader Pd: “Visco? A Bankitalia serve un nome all’altezza”

Che non volesseun secondo mandato per Ignazio Visco era fatto noto. Che anzi incolpasse il governatore di Bankitalia dei casini fatti dal suo governo sulle banche è il segreto di Pulcinella della politica romana. Ieri, però, Matteo Renzi s’è spinto quasi al confine della cortesia istituzionale sul rinnovo del numero 1 di Palazzo Koch. Ospite a Radio Capital del giornalista Massimo Giannini, il segretario del Pd – al termine di un’ora di intervista – s’è trovato davanti alla domanda sul prossimo governatore della Banca d’Italia. Risposta: “Spero e credo che governo e forze politiche faranno di tutto perché ci sia una scelta all’altezza dei compiti della Banca d’Italia”. “Sembra quasi – replica il co-conduttore Jean Paul Bellotto – che finora non fosse così”. E qui Renzi sfiora l’incidente istituzionale: “Se mi chiede se è una risposta dorotea, dico di sì. Chi ha orecchie per intendere intenda”. E ovviamente Visco e il suo staff hanno le orecchie, così come Sergio Mattarella e Mario Draghi, sponsor di un secondo mandato del governatore. D’altra parte i favoriti di Renzi per il ruolo (Marco Fortis, Lucrezia Reichlin e i molti altri che ha sondato) non paiono avere né il carisma, né gli appoggi necessari a parte quello dell’ex sindaco di Firenze.

Politica

Così Francesco ha ordinato di sostenere Minniti

Politica

“I big del Pd si sudino le preferenze in Senato”

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×