» Primo Piano
sabato 23/07/2016

“Io non sono Charlie”. Momo, gli sms pro-jihad

Nizza - Lo stragista aveva scambiato messaggi prima dell’attentato, decine con un tunisino che stava in Puglia
“Io non sono Charlie”. Momo, gli sms pro-jihad

Con lo smartphone avevano programmato la strage del 14 luglio. Lo smartphone di Mohamed Lahouaiej Bouhlel (detto Momo, il killer della Promenade des Anglais) li ha smascherati. Il 4 aprile 2016, Chokri C., nato nel 1979 in Tunisia, senza precedenti penali, invia a Bouhlel un messaggio tramite Facebook: “Carica il camion, mettici dentro 2000 tonnellate […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Primo Piano

“In un anno la Merkel dai profughi alla paura”

Commenti

Terrorismo, diciotto mesi di sangue e l’Europa inerte

Con la legge Madia più concorsi fasulli
Primo Piano
In Tv

Con la legge Madia più concorsi fasulli

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×