“Io non sono Charlie”. Momo, gli sms pro-jihad

Nizza - Lo stragista aveva scambiato messaggi prima dell’attentato, decine con un tunisino che stava in Puglia
“Io non sono Charlie”. Momo, gli sms pro-jihad

Con lo smartphone avevano programmato la strage del 14 luglio. Lo smartphone di Mohamed Lahouaiej Bouhlel (detto Momo, il killer della Promenade des Anglais) li ha smascherati. Il 4 aprile 2016, Chokri C., nato nel 1979 in Tunisia, senza precedenti penali, invia a Bouhlel un messaggio tramite Facebook: “Carica il camion, mettici dentro 2000 tonnellate […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.