“Io infiltrato nella cellula kamikaze: soltanto slogan, fanatismo e ingenuità”

Telecamera nascosta - Reporter arabo per mesi fra jihadisti reclutati in carcere e sui social

Pseudonimo: Saïd Ramzy: il nome vero è stato modificato per proteggere il suo anonimato. Sappiamo solo che è magrebino. Che è musulmano. Ed è giornalista di Spécial investigation, format tv di Canal+, network del gruppo francese Vivendi. Per 6 mesi Ramzy si è infiltrato in una cellula jihadista, filmando con una videocamera nascosta i meccanismi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.