Io ho torto marcio, ma voi lasciatemi parcheggiare in pace

Espierò le mie colpe, però la vita è troppo complicata per doversi davvero preoccupare di non abbandonare mai l’auto in divieto di sosta
Io ho torto marcio, ma voi lasciatemi parcheggiare in pace

Se scopi come parcheggi è giusto che hai le corna”. “Cretina, almeno mettiti dritta”. “Troia”. I messaggi sul cruscotto della (mia) automobile vanno dal genere fantasioso/ironico, all’insulto con venature paternaliste passando per l’epiteto classico/tradizionale. Ma non di sole parole vive l’uomo. E dunque, ci sono le strisciate sulla fiancata con le chiavi, i tergicristalli piegati, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.