“Io, falso pentito di Stato in miseria: cercate i garanti”

“Sono solo un povero disgraziato: nel ’94 fui ‘combinato’ mafioso non da Cosa nostra, ma dai poliziotti”
“Io, falso pentito di Stato in miseria: cercate i garanti”

“Sono un povero disgraziato”. Vincenzo Scarantino fu indotto a mentire sulla strage di via D’Amelio: uno dei più gravi casi di depistaggi nella storia giudiziaria italiana che rende necessario “interrogarsi sulle finalità perseguite dai soggetti, inseriti negli apparati dello Stato, che si resero protagonisti di questo disegno criminoso”. Lo scrivono i giudici della Corte d’Assise […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.