“Io e la donna incinta appesa al Bataclan”

Daniel Psenny - Il giornalista di “Le Monde” vide tutto dalla finestra e fu colpito da un proiettile
“Io e la donna incinta appesa al Bataclan”

Daniel Psenny continua a vivere accanto al Bataclan. Dalla finestra di casa sua, che si affaccia sul passage Amelot, la sera di un anno fa ha filmato col cellulare le immagini terrificanti delle persone che fuggono dalle porte laterali del teatro, dei feriti stesi per terra, di una donna che si aggrappa disperatamente a una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.