“Io, cacciato con WhatsApp”. I licenziati nell’era dei social

Nuovi orizzonti - Dai quattro livornesi messi alla porta con la chat, ai fattorini di Foodora “sloggati” dopo le proteste per i loro diritti
“Io, cacciato con WhatsApp”. I licenziati nell’era dei social

“Un nuovo messaggio su WhatsApp”. Un preavviso sul display dello smartphone che non preannuncia mai qualcosa di particolarmente serio. Del resto, non è con un’applicazione piena di faccine colorate che si inviano le comunicazioni importanti. Quando guardi il contenuto, però, devi ricrederti: “La informiamo che intendiamo risolvere il suo contratto di lavoro con la nostra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.