Intercettazioni e ricatti: in Brasile si gioca sporco

La giustizia blocca la nomina di Lula. Rousseff ricorre e accusa: “Iniziato il golpe”

Il Brasile s’infiamma con la nomina, subito sospesa, di Inacio Lula da Silva alla guida della Casa Civil (di fatto capo gabinetto del governo); l’ex presidente è rientrato ufficialmente nell’esecutivo, dopo che la presidente Dilma Rousseff l’ha nominato ministro nel difficile compito di ricomporre l’alleanza politica del Pt, il suo partito e quello di Lula, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.