Inps, fatture e assunzioni finte. “Call center senza controlli”

Appalto da 118 milioni. Il giudice: “Spese gonfiate ma l’Ente non ha mai fatto verifiche”
Inps, fatture e assunzioni finte. “Call center senza controlli”

L’Inps non ha controllato in che modo ha speso ben 118 milioni di euro – ovviamente pubblici – destinati all’appalto per i propri call center. Risultato: attraverso la società Dacon, una parte di quei soldi, tramite contratti e fatture fittizie, sono finiti anche nelle tasche del lobbista Raffaele Pizza. Il dato emerge dall’inchiesta Labirinto condotta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.