Indro in Toscana, dove Coppi e Bartali contano più della Dc

Nelle cronache di Montanelli, l’affresco di un Paese e di uno sport quasi scomparsi Le “bombe”, le “cotte”, le scritte sui muri: l’epoca in cui la bici era importante quanto la politica
Indro in Toscana, dove Coppi e Bartali contano più della Dc

Nel 1947 Indro Montanelli viene incaricato dal Corriere della Sera di seguire le tappe del Giro d’Italia. Le sue cronache sono raccolte in “Indro al Giro”, curato da Andrea Schianchi per Rizzoli. Ne pubblichiamo un breve estratto. A Perugia un signore ci confessò, pregandoci tuttavia di tacere il suo nome abbastanza conosciuto in città come quello di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.