Indifferenti. Le periferie dimenticate diventano prede facili per i populismi

  La delusione è nell’umano. La prima perdita delle periferie è la parola. C’è solo lo sguardo indifferente. Nessun buongiorno come sta? I figli? Farsi i fatti propri è la prassi ricorrente. La periferia è muta. L’assenza di parola genera passività, per questo la periferia è preda dei populismi: ricette facili e senza impegno. La […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.