Inchiesta Consip, Romeo resta in carcere

Il primo no alla scarcerazione arriva dal giudice Sturzo: non lo hanno convinto le memorie dell’imprenditore
Inchiesta Consip, Romeo resta in carcere

Il primo “no” alla scarcerazione di Alfredo Romeo arriva dal gip Gaspare Sturzo, lo stesso che ha firmato l’ordinanza che lo scorso 1 marzo ha portato l’imprenditore napoletano in carcere con l’accusa di corruzione. In un decreto di 37 pagine, il giudice ha respinto le richieste degli avvocati di Romeo, partendo dalle memorie depositate dai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.