» Cronaca
sabato 15/07/2017

Incendi nei boschi: divieto di spegnerli per gli ex forestali

Ordini dell’Arma e dei vertici dei pompieri per gli “assorbiti” dal Corpo abolito, diramati proprio in piena emergenza
Incendi nei boschi: divieto di spegnerli per gli ex forestali

Le fiamme non danno tregua, mentre sul Vesuvio i focolai sono ormai ridotti al minimo ed è arrivato l’esercito, il fronte del fuoco si sposta in Sardegna con Gallura, Nuorese e Sassarese in emergenza. Resta alta l’attenzione anche in Sicilia, ieri ad esser minacciato per ore è stato il centro di Sciacca, con palazzine sgomberate. Idem a Gioia Tauro, in Calabria.

Brucia, soprattutto il Sud, mentre vengono diffusi ordini di servizio di carabinieri e vigili del fuoco – dove sono stati ripartiti gli ex forestali in conseguenza della legge Madia – diramati alla vigilia della grande emergenza. È del 7 luglio l’ordine del generale dell’Arma Antonio Ricciardi sulle “procedure operative per gli interventi nel caso di incendi boschivi”: “Competenze esclusive dei vigili del fuoco per lo spegnimento degli incendi”, è permesso ai carabinieri ex forestali “soffocare ‘piccoli fuochi’ solo se muniti di mezzi idonei allo scopo e di adeguati dispositivi di protezione individuale”. È raccomandato, però, di svolgere “attività di prevenzione del fenomeno degli incendi boschivi”.

Negli stessi giorni i comandi provinciali dei vigili del fuoco diramavano note sull’impiego “del personale ex Corpo forestale dello Stato”: “La Direzione regionale – si legge, ad esempio, nella nota del comando di Rieti datata 11 luglio – ha disposto che non avendo i competenti Uffici del Dipartimento fornito indicazioni circa l’utilizzo del personale in oggetto quale componente delle squadre di Aib (anti-incendio boschivo), si deve ritenere che non è possibile utilizzare tali professionalità”.

Tutto questo significa che, tra i 6400 ex forestali passati ai carabinieri e tra i 360 ai vigili del fuoco, anche quelli che avevano nel Corpo forestale le funzioni di Dos (Direttore operativo spegnimento), cioè le professionalità più qualificate nel coordinamento e nella gestione dell’emergenza, non possono operare servizi di anti-incendio boschivo. Sembra una barzelletta: il carabiniere ex forestale, non potendo intervenire, telefona per segnalare l’incendio di un bosco al suo ex collega passato ai vigili del fuoco, trovando un altro professionista “disattivato”, con le mani legate da un’asfissiante burocrazia espressa all’ennesima potenza. Il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha provato a giustificare il cortocircuito in questo modo: “Noi vogliamo che i carabinieri siano impegnati nelle indagini”. Il sindacato Usb dei vigili del fuoco ribatte che “quella dei divieti di operare contro gli incendi in piena emergenza nazionale è una perla, solo l’ultimo misfatto”, come accusa il coordinatore Costantino Saporito.

Nel frattempo il fuoco non aspetta e patrimoni nazionali vengono cancellati per sempre dalla faccia della terra: in Gallura, costa nord orientale iper-turistica della Sardegna, un incendio di proporzioni gigantesche è scoppiato tra Budoni e San Teodoro. Sono stati fatti evacuare quasi tutti i 1500 turisti da alberghi, residence e appartamenti privati minacciati dalle fiamme. Il prefetto di Nuoro Carolina Bellantoni ha anche valutato di ricorrere alla fuga via mare: “Per l’incendio di Budoni avevamo allertato la motonave Imperatrice per una eventuale evacuazione via mare quando il fuoco si è avvicinato al porto di Ottiolu e alle spiagge. Operazione che fortunatamente non è stata necessaria perché l’allarme è via via rientrato”. Ma sarebbero almeno 385 gli ettari bruciati dall’incendio, secondo le prime parziali stime. Paura, ieri, anche alle porte di Cagliari, nella zona del carcere di Uta.

In Calabria, invece, il governatore Mario Oliverio ha riunito la giunta per chiedere lo stato di emergenza, mentre cinquanta persone del quartiere Ciambra di Gioia Tauro sono state evacuate con le fiamme vicinissime alle loro case e alla grande discarica della zona. Per la Sicilia chiede l’invio dell’esercito il segretario del Codacons Francesco Tanasi: “Se non si interviene in tempo sull’isola resterà soltanto la cenere”. Mentre il fronte del fuoco si sposta verso nord, ieri le fiamme sono arrivate vicino alle case anche in Toscana, a Castiglion della Pescaia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
LA CARTOLINA

Quegli alberi sono giordano Bruno

Gli italiani non hanno un buon rapporto con la natura. Preferiscono le automobili, i telefonini. La natura è quella cosa che si incontra a Pasquetta a Ferragosto, ma spesso è solo uno scenario per riempirsi la trippa.

In Italia nei luoghi pianeggianti la terra è praticamente scomparsa, sostituita da capannoni, rotonde, villette, supermercati, pompe di benzina. La distruzione della natura per decenni è arrivata dalle betoniere e il loro valzer per fortuna si è un poco attenuato solo grazie alla crisi. Se l’economia torna a fiorire vedremo di sicuro ancora tanta terra scomparire.

Intanto ora ci sono gli incendi estivi. E c’è perfino qualcuno che s’indigna se non pensi che siano una cosa ovvia, se pensi che bisognerebbe dichiarare la stato di emergenza nazionale. Anche un solo albero che brucia è un dolore, perché dobbiamo sempre ricordarci che gli alberi sono creature viventi.

E se qualcuno pensa allo stato vegetale come a uno stato di inerzia, ecco, ora lo stato vegetale siamo noi, miseri pagliacci in cerca di amorazzi estivi mentre gli alberi vanno al rogo, innocenti come Giordano Bruno.

Commenti

Avanti, tutti gli omissis del libro di Matteo Renzi

Cronaca

I Verdi contro la legge pro-abusi di De Luca

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 48 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 50 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×