In un mondo senza testa e senza casco, meglio salire in moto

C’è chi va dallo psicologo, chi va al poligono a sparare, chi scrive sulla bacheca di Salvini. E c’è chi sale in sella per ordinare i propri pensieri
In un mondo senza testa e senza casco, meglio salire in moto

Per farla breve e dirla come se fossimo per sempre giovani: andare in moto è una figata pazzesca. Quando ti dicono che la moto è un mondo a parte, un cavallo di ferro, una maniera inimitabile di essere liberi e bla bla: sembra retorico, sì, ma è proprio vero. Ognuno è motociclista a modo suo. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.