In queste neo-città non c’è posto per la democrazia

Fra i processi in atto nel nostro tempo, forse nessuno ha conseguenze tanto profonde sulla felicità individuale e sulla forma della società quanto la rivoluzione dei confini urbani. Uno sviluppo confuso e apparentemente incontrollabile segna un mutamento radicale: possiamo descriverlo riassuntivamente come la morte dei confini della città e la vittoria dei confini nella città. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.