In Messico un morto ogni quarto d’ora. Oltre a “Libera”, solo indifferenza

Alla manifestazione nazionale della memoria del 20-21 marzo ci saranno anche le madri dei desaparecidos

Ma che deve accadere ancora in quel paese meraviglioso e insanguinato chiamato Messico? Quale massacro immenso, quale carneficina perché il mondo si svegli? Questo ho pensato, ancora una volta, svolgendo il mio lavoro in università. Una battaglia di principio, quella di una grande istituzione culturale che non ci sta a voltare la testa dall’altra parte. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.