In ginocchio davanti alla dea, l’India mi vuole colonizzare

Durante il pellegrinaggio al tempio di Kamakhya, mi converto al culto della fecondità
In ginocchio davanti alla dea, l’India mi vuole colonizzare

Ho sempre mal sopportato chi sognava l’India, poi un giorno partiva in autostop (almeno così diceva), tornava dopo quattro mesi e per i seguenti quattro anni parlava solo dell’India. Persino la sbandata indiana dei Beatles mi ha sempre lasciato tiepido. L’unico libro che ho letto sull’India è (sì, potete abbandonarvi a espressioni di disgusto) Il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.