In Etruria una “regia” per piazzare i bond a clienti ignari

Perquisita la sede. L’input quando papà Boschi sedeva nel cda: “Venduti come promozioni a persone inconsapevoli dei rischi”
In Etruria una “regia” per piazzare i bond a clienti ignari

La vendita di obbligazioni subordinate a risparmiatori privi di requisiti idonei sarebbe stata decisa da una “regia” in seno ai vertici dell’istituto di credito. Ipotesi già avanzata nei mesi scorsi dalla Procura di Arezzo e che ha trovato conferma dalla documentazione acquisita nel corso delle perquisizioni. Ieri, gli uomini della Guardia di Finanza sono entrati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.