In casa di Berlusconi “cene (poco) eleganti”

Nelle motivazioni della condanna le “abitudini extraistituzionali” dell’ex premier
In casa di Berlusconi “cene (poco) eleganti”

Erano “cene (poco) eleganti” quelle che Gianpaolo Tarantini organizzava tra il 2008 e il 2009, soprattutto a casa di Silvio Berlusconi. Adesso lo hanno messo nero su bianco i giudici di Bari. Gli stessi che il 13 novembre scorso hanno condannato in primo grado l’imprenditore barese Gianpaolo Tarantini per il solo reato di reclutamento – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.