“In cammino con i miei Classici. Senza cadute non esiste l’arte”

Gabriele Lavia - L’attore e regista alle prese con i mostri sacri: “O si leggono questi qui o si è fuori dal gioco”
“In cammino con i miei Classici. Senza cadute non esiste l’arte”

Se vuoi essere contemporaneo leggi i Classici: è un monito seducente, e anche molto attuale, quello di Gabriele Lavia, riportato fin nel titolo del suo ultimo libro. Tuttavia, avverte lui, “bisogna stare attenti a non confondere i termini: contemporaneo significa ‘essere nello stesso tempo’, che è molto diverso dall’essere attuali, cioè nel tempo presente. Purtroppo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.