Imre Kertész, l’uomo che cercò la felicità anche nell’orrore

Imre Kertész, l’uomo che cercò la felicità anche nell’orrore

È morto ieri a 86 anni, il premio Nobel ungherese per la Letteratura Imre Kertész. Era nato a Budapest nel 1929 da una famiglia ebraica e a 14 anni fu deportato prima ad Auschwitz e poi a Buchenwald. Da qui, il suo romanzo più famoso, Essere senza destino: è un ragazzino a raccontare la vita […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.