“Impressa sul passaporto. Significava anche libertà”

“Impressa sul passaporto. Significava anche libertà”

“Era uno strano marchio dal significato misterioso. Poteva essere la “L” di ladro, o di libero. Noi che l’avevamo sul passaporto non sapevamo cosa significasse, ma che ci impediva di ritornare in Cile. Era un insulto alla nostra dignità”. Trentun anni dopo, titolo dell’omonimo scritto inedito appena uscito in Storie Ribelli (Guanda), lo scrittore e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.