Ilva: a Roma si discute e a Taranto si muore

Giovane di una ditta dell’indotto colpito da una fune. I sindacati verso lo sciopero
Ilva: a Roma si discute e a Taranto si muore

A Roma si discute e intanto a Taranto si muore. Ancora. Quasi come a Sagunto. Anche la città dell’Ilva appare bruciata, espugnata, distrutta dopo l’ultimo incidente mortale costato la vita ad Angelo Raffaele Fuggiano, il giovane operaio della Ferplast, ditta dell’indotto Ilva, morto ieri mattina dopo essere stato colpito violentemente da una fune mentre stava […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.