Il voto “double face” calza bene a tutti da Salvini a Grillo

I metodo uninominale veste le roccaforti del Pd, Fi e Lega. Il proporzionale a misura di Cinque stelle e “parlamentarie”
Il voto “double face” calza bene a tutti da Salvini a Grillo

Prima coloro che vinceranno la corsa per i 225 collegi uninominali, poi i 381 eletti nelle 28 liste circoscrizionali, ripartiti in proporzione ai voti acquisiti oltre la soglia del 5% e infine i migliori esclusi: il metodo uscito dalla Commissione Affari costituzionali per individuare modi e precedenze nell’elezione dei parlamentari, all’interno delle candidature di partito, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.