Il voto di scambio ai tempi di Marco Tullio Cicerone

A urne ancora calde, in Sicilia, sono scattati arresti e inchieste bipartisan, dal centrodestra al centrosinistra, passando per il M5S. Dall’arresto di Cateno De Luca (nomen est omen , avrebbero detto i Romani che c’azzeccavano sempre!) all’avvio di un’indagine su Edy Tamajo, il più votato a Palermo con 13.984 preferenze, sospettato dagli inquirenti di compravendita […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.