Il virus dimissioni contagia anche l’ultimo imperatore

Giappone, Akihito pronto ad abdicare. Dal passo indietro di Ratzinger a quelli degli inglesi, ormai è una sindrome
Il virus dimissioni contagia anche l’ultimo imperatore

Il 15 agosto 1945 l’imperatore Hirohito rivolse ai sudditi un pubblico appello affinché cessassero le operazioni militari. Milioni di giapponesi rimasero sconvolti nell’ascoltare per la prima volta la voce del loro Imperatore-Dio. Hirohito, sollecitato dagli americani, fu costretto a dichiarare la rinuncia al suo stato divino. Settantun anni dopo, suo figlio Akihito medita l’abdicazione: ed […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.