Il virus che intercetta mette in allarme i giuristi

Dall’Università di Torino una petizione contro i “captatori informatici”, i trojan ammessi nelle inchieste su mafia e terrorismo
Il virus che intercetta mette in allarme i giuristi

una legge che limiti l’uso dei trojan nelle indagini, uno strumento informatico che ha permesso di scoprire casi di corruzione e killer di mafia. Un argine per tutelare la segretezza delle comunicazioni, ma anche l’inviolabilità del domicilio, diritti difesi dalla Costituzione. Per questa ragione quasi 60 docenti universitari di Diritto, tra cui l’ex Garante della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.