Il tormentone dell’estate: caccia al migrante in fuga

Le nuove “deportazioni” - I 400 africani che da Ventimiglia tentavano di passare in Francia ripresi e trasferiti a Taranto. E il campo sarà chiuso
Il tormentone dell’estate: caccia al migrante in fuga

Ogni anno, appena il sole scalda abbastanza per il primo bagno, Enrico Ioculano, il sindaco Pd di Ventimiglia, mette in campo un’iniziativa per limitare l’afflusso di migranti nella città frontaliera. Lunedì un’ordinanza per pulire il letto del fiume Roya ha fatto ‘scappare’ circa 400 subsahariani accampati sotto il cavalcavia dell’autostrada. Per quasi 48 ore, i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.