Il talento del Sessantotto e gli smemorati da copertina

La polemica - Davvero, come ha scritto Gramellini, quel periodo ebbe il demerito gigantesco di umiliare l’estro? Non scherziamo...
Il talento del Sessantotto e gli smemorati da copertina

Fa strano la frase, centrale per importanza, apparsa sul Corriere della Sera del 26 aprile nella rubrica di prima pagina di Massimo Gramellini (titolo del pezzo: “Maturità alla memoria”). La riporto integralmente: “Quel briciolo di memoria che mi rimane basta a ricordarmi che la guerra al nozionismo e la sfiducia nelle autorità (“Uno vale uno”) […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.