Il sogno abortito del marchese

Il sogno abortito del marchese

Tutto ha un valore simbolico nella cavalcata immaginifica del nostro Marchese del Giglio. Cominciò nella sua Firenze a consumare la sua luna di miele col Paese. Lì concepì e teorizzò il parto della sua nuova classe dirigente tanto intima, consanguinea e familiare da sfiorare l’incesto, almeno politico. Volevano ingravidare la mestizia per far nascere la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.