Il sindaco di Rignano lascia il Pd: “Ma non per la testimonianza”

Il sindaco di Rignano lascia il Pd: “Ma non per la testimonianza”

Annunciato a più riprese, lo “strappetto” di Rignano sull’Arno (Firenze) è compiuto. Daniele Lorenzini, il sindaco che con la sua testimonianza nell’inchiesta Consip non ha certamente favorito l’illustre concittadino Tiziano Renzi, rompe con il Pd e si ripresenta con una lista propria, civica, che definisce “aperta, di centrosinistra, fuori dal Partito democratico”. Si chiamerà “Insieme […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.