Il senso (e il sentimento) di Alfano per i rifugiati

Caro Furio Colombo, giorni fa ho visto in televisione il ministro dell’Interno, circondato da sottoposti, nei pressi di Ventimiglia, dove aveva appena chiuso un posto di accoglienza, dire testualmente ai suoi sottoposti: “Noi lavoreremo con un obiettivo, quello di non farli arrivare al confine. Se lo capiscono con le buone non partono, se non lo […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.