Il senso di Hamas per il confine col filo spinato

Non solo rabbia - Tattiche studiate e modificate in otto settimane per sfondare la barriera
Il senso di Hamas per il confine col filo spinato

Sassi contro carabine non è mai uno scontro equo. Ma pensare che i cortei di protesta in occasione delle “Marce del ritorno” sponsorizzate da Hamas – organizzazione che Unione europea, Stati Uniti, Canada, Egitto, Giappone e, manco a dirlo, Israele considerano terrorista, al contrario di altre nazioni come Iran, Qatar, Russia, Cina, Norvegia – siano […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.