“Il Senato doveva votare sui fatti, mica sulla sentenza”

“Il Senato doveva votare sui fatti, mica sulla sentenza”

In principio i senatori che hanno salvato Augusto Minzolini si sono appellati al fumus persecutionis che secondo loro si ravvisava nella sentenza per peculato del collega senatore, a cui è stata inflitta una pena di due anni e sei mesi (con la sanzione accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici). Ci sono voluti un paio di giorni […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.