Il sangue e le voci di Aleppo: “Addio, qui bruciano i bambini”

Città-martire - Le truppe di Assad hanno ultimato la riconquista e gli attivisti dell’opposizione mandano messaggi prima della resa: tregua per evacuare i civili
Il sangue e le voci di Aleppo: “Addio, qui bruciano i bambini”

Dio ti benedica, noi saremo i prossimi a raggiungere il Paradiso. Aspettaci”. L’ultimo post su Facebook di Modar Shekho, giovane infermiere di Aleppo est, risale alla settimana scorsa ed è dedicato al padre. Al messaggio, Shekho ha allegato la foto del suo testamento scritto a mano. Da allora, nessuna risposta ai contatti sui social network. […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.