Il rodeo dei ricatti finali, così il Pd prova a coprirsi

La strategia - Persa la battaglia, i dem ottengono Zonin, Consoli e D’Aguì, i banchieri che possono inguaiare l’odiato Visco (ma c’è il rischio autogol)
Il rodeo dei ricatti finali, così il Pd prova a coprirsi

“Non interrompermi, cazzo!”. Durante l’ufficio di presidenza della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche che deve decidere sull’audizione dell’ex ad di Unicredit Federico Ghizzoni e altri a un certo punto Renato Brunetta sbotta con Pier Ferdinando Casini. Non è l’unico episodio di tensione: lo scontro tra il presidente e Matteo Orfini è altrettanto acceso. Alla fine, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.