Il ritorno di D’Alema che difende il M55: “Non è populismo”

L’ex premier presenta il suo Comitato e attacca: “La stampa ormai è fascista, prende ordini dal Pd”

Il cinema Farnese, in Campo de’ Fiori a Roma, è un catino di afa e adrenalina. Più di cinquecento persone alle due del pomeriggio. Dieci minuti dopo, Massimo D’Alema avanza verso il palco e incrocia il cronista del Fatto, quotidiano “tecnicamente fascista” secondo il dalemismo d’antan. Ammette ora l’ex premier: “C’è bisogno, diciamo, di una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.