Il ritorno dei Black-bloc e del nemico amerikano

Centinaia di feriti tra dimostranti e polizia. “Giottini” europei mobilitati da temi sociali ed economici e dalla presenza di Trump
Il ritorno dei Black-bloc e del nemico amerikano

Centinaia di feriti tra manifestanti e agenti, decine di attivisti fermati e messi in guardina, milioni di danni, manifestanti a volto coperto che lanciano petardi, molotov, bulloni, pietre, fumogeni: le cifre vengono aggiornate ora dopo ora, ma dimostrano come il summit G-20 sia finito sotto assedio, in un clima di pesantissima guerriglia urbana, di rastrellamenti, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.