Il “rimpastone” per non finire impallinato subito

Macron sostituisce i ministri toccati dallo scandalo sui falsi impieghi nel Parlamento Ue e oggi vara il governo “epurato”
Il “rimpastone” per non finire impallinato subito

Doveva essere un rimpasto “tecnico”, una semplice formalità dopo l’ampia vittoria della République en Marche, il partito di Macron, alle Legislative di domenica. E invece per il presidente e il suo premier, Edouard Philippe, formare il nuovo governo è un’operazione più elaborata del previsto. In poche ore l’esecutivo ha perso infatti alcune figure di spicco. […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.