Il renzismo al potere: il castello dei conflitti d’interessi incrociati

L’intreccio di rapporti d’amore, amicizia, politica e affari tra un pugno di persone nate in un fazzoletto di terra
Il renzismo al potere: il castello dei conflitti d’interessi incrociati

La perplessità di Alberto Bianchi è sacrosanta: “Deciditi: fai l’avvocato fai o che cazzo fai?”, si domanda, contumace l’interessato, a proposito di Francesco Bonifazi, assentatosi all’ultimo secondo da una riunione. Impossibile sapere chi fa cosa, Bianchi compreso. Il groviglio delle maschere, delle parti in commedia, dei conflitti d’interessi è inestricabile all’interno della piccola foresta del […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.