Il referendum osteggiato da tutti: tranne i curdi

Domani il voto per l’indipendenza; Baghdad si oppone, Ankara si sente minacciata e l’Onu teme nuovi conflitti
Il referendum osteggiato da tutti: tranne i curdi

L’appuntamento con la Storia per il popolo curdo, seppur sparpagliato su quattro nazioni: Turchia, Siria, Iraq e Iran, e diviso da lotte intestine, si sta avvicinando nel nord dell’Iraq, nei seggi dei suoi villaggi e città, a partire dalla capitale Erbil. E pare che nessuno lo potrà posticipare ancora. Ma non è detto che il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.