Il referendum catalano può attendere: “Non ho paura, restiamo uniti”

Il premier Rajoy e il governatore Puigdemont
Il referendum catalano può attendere: “Non ho paura, restiamo uniti”

No tinc por, “Non ho paura”, gridano in migliaia le persone accorse in Plaça Catalunya e tutt’intorno sulla Rambla, per commemorare con un minuto di silenzio le vittime dell’attentato terrorista del 17 agosto a Barcellona. Il giorno dopo la città si risveglia dolente, ma decisa a riprendersi la sua normalità. Poco alla volta le persone […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.